Rifugio Gilberti Celso [1850 m]


Proprietà: Società Alpina Friulana - Custode: Irene Pittino - Telefono: NTUwMjkxODMzMyA5MysgL2xsZUMgLSA1MTAvNDUvMzM0ICkwKCA5Mys= - Email: dGkvb2lsaWdyaXYvL2lyaXAvaXJp - Link: http://rifugiogilberti.com/Periodo di apertura: dal 15 giugno al 30 settembre e dal 20 dicembre al 30 aprile. -

loading map..
Nazione : Italia - Regione : Friuli Venezia Giulia -
Area montuosa : Alpi Giulie W. (I) - Valle : Canal del Ferro - Latitudine: 46.37167, Logitudine: 13.46124

E’ posto al centro di una vasta conca, sul versante settentrionale del gruppo del M. Canin, a breve distanza dalla stazione di arrivo della funivia che sale da Sella Nevea.

Accesso: Sella Nevea (Funivia del M. Canin).

località di partenza: Sella Nevea (Funivia del M. Canin). - quota di partenza 1150 m (1831 m) - dislivellos: 830 m (20 m)
tempo di percorrenza: 1 ora e 50 min. (ore 0.10) - difficoltà: Escursionisti [E]


Da Sella Nevea si segue il sentiero CAI 635 che sale lungo la pista di sci. A q. 1680 m il sentiero si discosta dalla pista, si porta sotto la parete E del Bila Pec e poi la costeggia alla base, in salita, fino a raggiungere l’ampia conca al cui centro sorge il rifugio.


 Traversate

Al bivacco Speleo Bivacco Modonutti - Savoia 1908 m. Dislivello: 400 m. (E; 2,00 ore).
Percorso: dal rifugio si scende in breve sul fondo della Conca di Prevala e si rimonta poi il vallone (segnavia CAI n. 636) fino a Sella Prevala 2067 m. Senza valicare la sella si prosegue in salita verso N, per il sentiero CAI n. 636, fino a raggiungere la cresta W del M Golovec a q. 2109 m. Ci si abbassa in direzione NE seguendo i resti di una mulattiera di guerra fino a un bivio posto a q 1866 m, poco ad W della sella del M. Poviz. Lasciato il sentiero CAI n. 636, che scende a Sella Nevea, si prosegue a destra, per il sentiero CAI n. 637 che, con alcuni saliscendi, si dirige in direzione di Sella Robon. In corrispondenza di un bivio, posto nel valloncello sottostante la sella, si lascia a sinistra il sentiero CAI n. 637 e, percorrendo il sentiero CAI n. 654, si raggiunge in breve Sella Robon 1865 m. Salendo per un breve tratto verso il Monte Robon (N) si raggiunge in breve il bivacco.


 Ascensioni

Al Monte Canin 2587 m per la Via ferrata Julia. Dislivello: 750 m. (EEA; 3.00 ore).
Dal rifugio si percorre il sentiero CAI n. 632 che verso W porta Sella Bila Pec 2005 m. Oltre la sella il sentiero prosegue in quota, in parte tagliato nella roccia, fino ad un bivio a 2018 m in corrisponsenza del quale si lascia il sentiero principale, diretto al Biv. Marussich per proseguire a sinistra (S) per la ripida traccia che conduce ai resti del ghiacciaio del M. Canin. Si sale per neve e affioramenti rocciosi fino alla base di un evidente e ripido canale nevoso. Per neve ripida o ghiaccio (utili a volte la piccozza e ramponi) si raggiungono le roccie sulla destra del canale, dove ha inizio la ferrata. Si segue poi l’andamento delle funi lungo la ripida parete (tratti esposti) fino a uscire in cresta a E del Monte Canin. Seguendo la cresta senza particolari difficoltà si raggiunge in breve la vetta.


 Bibliografia

Alpi Giulie – Guida dei monti d’Italia, Gino Buscaini; CAI Touring.


 Cartografia

Tabacco 019 «Alpi Giulie Occidentali - Tarvisiano» 1:25.000


 Scrivi un commento o condividi con la community di rifugi-bivacchi la tua esperienza!

Gilberti Celso

  • Riscaldamento
  • Wc
  • Acqua fredda
  • Acqua calda
  • Presenza di docce
  • Presenza luce elettrica
  • Ristorante
  • Sconti associati CAI
 Posti letto
46
 Posti letto rifugio invernale
8
 Palestra di roccia
Le pareti del monte Bila Pec offrono una vasta scelta di vie di arrampicata attrezzate: una trentina di monotiri dal 4 al 7c (in prevalenza sul versante SE), una decina di itinerari di 3-4 tiri dal 5c al 7a sul versante E e una decina di vie moderne spittate dal basso (difficoltà dal 6b al 7c e sviluppo fino a 200 m) sulle pareti E, W e NW.