Rifugio non custodito Siletti [1342 m]


Proprietà: Azienda Foreste Demaniali Periodo di apertura: Sempre aperto -

loading map..
Nazione : Italia - Regione : Sicilia -
Area montuosa : Etna - Valle : Valle dell'Alcantara - Latitudine: 37.83199, Logitudine: 14.98129

Questo piccolo rifugio, immerso nel bosco che cinge il basso versante settentrionale dell'Etna, sorge poco distante dalla grande colata lavica del 1981

Accesso: Case Pirao, raggiungibili dalla A18, uscita "Fiumefreddo", via Linguaglossa e Randazzo  

località di partenza: Case Pirao, raggiungibili dalla A18, uscita "Fiumefreddo", via Linguaglossa e Randazzo   - quota di partenza 1142 metri - dislivellos: 200 metri
tempo di percorrenza: 50 minuti - difficoltà: Escursionisti [E]


Dalla strada provinciale Linguaglossa-Randazzo, denominata "Panoramica" o "Settentrionale Etnea", giunti presso la grande colata lavica del 1981 che anticipa il paese di Randazzo si svolta verso monte per raggiungere, in circa 4 km, le Case Pirao, dove si lascia l'auto. Si prosegue a piedi lungo il tracciato di una pista forestale diretta a Monte Spagnolo. Affacciandosi presso la grande colata lavica del 1981, oltre alcuni tornanti, si incontra un bivio; prendendo a sinistra, attraverso la faggeta, si raggiunge il rifugio Saletti.

Trasporti pubblici

Aeroporto a Catania

Autobus a Randazzo, Etna Trasporti SpA
Stazione ferroviaria a Randazzo


 Traversate

Al rifugio Brunek 1450 metri (E; 3.20 ore).
Dal Saletti si imbocca la pista che sale verso SW fino davanti alla colata lavica del 1981 (in verità poco visibile dal bosco) prima di cambiare direzione e snodarsi con alcuni tornanti puntando al cono del Monte Santa Maria. Contornato il piccolo cratere 1632 m si sale ancora fino a oltrepassare il rifugio Santa Maria e valicare il Passo dei Dammusi 1700 m. Lasciata a destra la deviazione per il rifugio Timparossa si comincia a scendere verso E sfiorando la Grotta delle Femmine. In un'alternanza di colate laviche e macchie di conifere, tralasciando alcune deviazioni secondarie, si siunge la termine della Pista Altomontana e, proseguendo per sterrata, si incrocia l'asfalto in corrispondenza del rifugio Brunek.

Al rifugio Monte Scavo 1743 metri (E; 4 ore).
Dal Saletti si imbocca la pista che sale verso SW fino al primo tornante a sinistra. Qui si individua un sentiero che si stacca dalla pista verso W e che, uscito dal bosco, attraversa pressoché in piano la colata lavica del 1981. Sull'altro lato si ritrova la Pista Altomontana che, seguita verso sinistra, porta al piccolo rifugio di Monte Spagnolo 1440 m. Senza grandi scossoni altimetrici la pista sfila a monte del cono boscoso di Monte Spagnolo e si snoda in direzione SW lungo i boscosi fianchi dell'Etna. Tralasciate numerose deviazioni verso valle, tra le quali anche quella per il rifugio La Nave 1450 m, si transita a valle del cono del Monte Maletto. A monte del tracciato l'ennesima deviazione porta al rifugio Monte Maletto 1698 m mentre proseguendo diritti si sale alla volta del rifugio Monte Scavo, raggiunto dopo aver attraversato una colata lavica.


 Bibliografia

G. Maurici e R. Manfré Scuderi, Guida dei monti d'Italia, CAI-TCI, Milano 2001
T. Musumeci, Parco dell'Etna e Isole Eolie, FBE editore 2010
G. Vallone, Guida dell'Etna, Flaccovio Editore 2010


 Cartografia

Touring Club Italiano 1:50.000 "Parco dell'Etna"
IGM 1:25.000 "Randazzo"


 Scrivi un commento o condividi con la community di rifugi-bivacchi la tua esperienza!

Siletti

  • Riscaldamento
 Posti letto

Altre dotazioni

Necessari sacco a pelo e materassino. Acqua piovana in cisterna