Rifugio Porta Carlo [1426 m]


Proprietà: CAI Sezione di Milano - Custode: Claudio Trentani - Telefono: Mzk3NTU2NS85MzMgL2xsZWMgLSA1MDEwOTUtMTQzICkwKCA5Mys= - Email: dGkvZWNpbGEvL2lsbG9sL29pYWk= - Link:  http://www.rifugioporta.com Periodo di apertura: Tutti i giorni dal 01/04/13 al 15/10/13;<br> Chiuso il martedì; dal 01/01/13 al 31/03/13 e dal 16/10/13 al 31/12/13. -

loading map..
Nazione : Italia - Regione : Lombardia -
Area montuosa : Grigne - Valle : Valle del Gerenzone - Latitudine: 45.91029, Logitudine: 9.39599

Sorge alle pendici meridionali della Grignetta, poco sopra il Pian dei Resinelli.

Accesso: Piani dei Resinelli

località di partenza: Piani dei Resinelli - quota di partenza 1278 m - dislivellos: 150 m
tempo di percorrenza: 15 min. - difficoltà: Turistico [T]


Da Lecco 214 m, si segue la carrozabile della Valsàssina, fino a Ballabio (km 6). Si continua per un lungo rettilineo incontrando ben presto , la deviazione a sinsistra per il Pian dei Resinelli. Imboccata la deviazione si supera l'abitato di Ballabio Superiore 721 m e si varca su un ponte il torrente Grigna. Ora la strada risale il pendio SE della Costa Adorna, e sbuca sui pendii prativi che precedono i Resinelli il cui piazzale parcheggio si raggiunge dopo 8 km da Ballabio.All'inizio del piazzale d'ingresso del Pian dei Resinelli si imbocca verso destra una strada asfaltata che sale lambendo a sinistra, una panetteria-market. Poco dopo ad un bivio tralascia la diramazione che sale verso il rif. SEM e si prosegue a sinistra per la strada che termina al rifugio .


 Traversate

Al Rifugio Soldanella - ex S.E.M.- Cavalletti1354 m (T; 10 minuti).
Al Albergo-rifugio S.E.L. - R. Rocca-U. Locatelli 1277 m (T; 0,30 ore).
Al Rifugio Rosalba 1730 m per il "sentiero della direttissima" e il "sentiero Giorgio" (EE; 2 ore).
Al Rifugio Pialeral (Antonietta) 1428 m per la Traversata bassa (E; 2 ore).


 Ascensioni

Alla Grignetta o Grigna meridionale 2184 m
Dislivello: 800 metri circa
Tempo di percorrenza:2 ore
Difficoltà: EE
Percorso
Si imbocca il sentiero che s'inoltra nell'abetaia del "bosco Giulia" alle spalle del rifugio (segnavia n°7). Dopo poche decine di metri si giunge di fronte ad un'immagine sacra, il sentiero la aggira sulla destra e poi si porta a monte di essa per proseguire con alcuni tornanti nella faggeta. Un'ultima diagonale verso sinistra porta in un valloncello detritico dove si trova un altro segnavia. Si segue il tracciato che inizia ora a salire ripido sulla pendice sempre più scabra della montagna. Dopo alcuni tornanti si traversa una roccetta, facilitati da una catena e si continua con numerosi tornanti guadagnando rapidamente quota.
Si giunge così in corrispondenza del cartello che indica a destra la deviazione del sentiero n°3. La via normale di salita continua a monte del cartello con un'altra sequenza di ripidi e faticosi tornanti che percorre il crestone mentre a sinistra si approfondisce il riarso solco del Canalone Caimi. Più in alto il crinale si riunisce con la cresta che delimita a sinistra il canalone Caimi e la salita prosegue mentre ci si avvicina alle rocce sommitali e da sinistra si immette il "Sentiero Cecilia" (segnavia n°10). Si entra ora nel largo canalone roccioso che precede la cima, al suo termine, grazie ad un breve tratto attrezzato con catene si guadagna la cresta che verso destra porta alla cima dove sorge il metallico igloo del Bivacco Ferrario.


 Cartografia

Kompass 1:50.000 n° 105 "Lecco-Val Brembana" TCI 1:20.000 "Gruppo delle Grigne"


 Scrivi un commento o condividi con la community di rifugi-bivacchi la tua esperienza!

Porta Carlo

  • Riscaldamento
  • Wc
  • Acqua fredda
  • Acqua calda
  • Presenza di docce
  • Presenza luce elettrica
  • Ristorante
  • Sconti associati CAI
 Posti letto
45
 Palestra di roccia
Nelle vicinanze si trova il Corno del Nibbio, storica palestra delle Grigne, senza contare poi i torrioni della Grignetta.