Rifugio non custodito Fonte Tari' [1540 m]


Proprietà: Comune di Lama dei Peligni - Custode: A.S.D. Majella Sporting Team - Via IV novembre 9
66010 Lama dei Peligni (Chieti). - Link: http://www.rifugiofontetari.it/Periodo di apertura: Tutto l'anno previo ritiro delle chiavi - Prenotazioni: +39 0871 84624 -


loading map..
Nazione : Italia - Regione : Abruzzo -
Area montuosa : Maiella - Valle : Valle Aventino - Latitudine: 42.03790, Logitudine: 14.16034

E' situato sulle pendici sud orientali della Maiella alla sinistra idrografica del Vallone di Taranta

Accesso: Lama dei Peligni, raggiungibile dalla A25 via Sulmona e Roccaraso (S.S. 17) oppure dalla A14 via Val di Sangro e Casoli

località di partenza: Lama dei Peligni, raggiungibile dalla A25 via Sulmona e Roccaraso (S.S. 17) oppure dalla A14 via Val di Sangro e Casoli - quota di partenza 720 metri - dislivellos: 800 metri
tempo di percorrenza: 2 ore - difficoltà: Escursionisti [E]


Dal centro di Lama dei Peligni seguire le indicazioni per il convento di Sant'Antonio fino a raggiungere uno slargo al margine di una pineta, dove si parcheggia (20 minuti a piedi). Si imbocca la mulattiera che entra nella pineta e che, con numerosi tornanti tra pinnacoli di roccia, raggiunge i pascoli superiori e la Fonte Tari', dove sorge il rifugio. In funzione nel solo periodo estivo, l'adiacente cabinovia della Grotta del Cavallone riduce a 1 ora il tempo di accesso al rifugio (quota di partenza: 1400 m; dislivello in salita: 240 m; dislivello in discesa: 100 m)

Trasporti pubblici

Ferrovia: Stazione di Palena (Linea Sulmona-Castel di Sangro)
Autobus: a Lama dei Peligni (linea Guardiagrele-Palena)


 Traversate

Al Rifugio non custodito del Pastore (o Macchia di Taranta) 1703 metri (E; 1 ora).
Si guadagnano pochi metri per affacciarsi sulla profonda Valle di Taranta e, lasciato a destra il sentiero per Grotta Canosa, si attraversa l'impluvio. Raggiunta in salita la sponda opposta presso un quadrivio 1864 m, si scende fino a incontrare il rifugio del Pastore (detto anche rifugio di Macchia Taranta).


 Ascensioni

Monte Amaro 2793 m (EE; 4 ore). Si segue il sentiero per Grotta Canosa, che percorre la Valle dei Fontanili con numerose svolte. Oltrepassati i 2400 m di quota la pendenza si abbatte; attraversato il Piano Amaro si raggiunge Grotta Canosa 2604 m, all'inizio della cresta che porta al bivacco Pelino 2790 m e al Monte Amaro.


 Bibliografia

A. Alesi e M. Calibani, Majella Parco Nazionale, Societý Editrice Ricerche, Folignano 2007
S. Ardito, I rifugi dell'Appennino centrale, Guide Iter, Subiaco 2010


 Cartografia

Parco Nazionale della Majella 1:50.000 Carta turistica
IGM 1:25.000 Cansano e Fara S. Martino


 Scrivi un commento o condividi con la community di rifugi-bivacchi la tua esperienza!

Fonte Tari'

  • Riscaldamento
  • Possibilità di cucinare
 Posti letto
12
Altre dotazioni

Necessari materassino e sacco a pelo
Acqua nella fonte adiacente
Locale sempre aperto