Bivacco Casina Cogorna [1650 m]


Proprietà: SAT, Sezione di Fiavé (TN) - Custode: n.n. - Telefono: L24vbg== - Email: bW9jL2xpYW1nLy8xNmV2YWlmdGFz Periodo di apertura: n.n. - Chiavi: SAT, Sezione di Fiavé (TN)

loading map..
Nazione : Italia - Regione : Trentino Alto Adige -
Area montuosa : Alto Garda-Trentino South - Valle : Valle Giudicarie - Latitudine: 45.98386, Logitudine: 10.79758

Vecchia malga del Comune di Fiavé, è stata ristrutturata dai soci della locale sezione SAT per adibirla a bivacco. La SAT di Fiavé ne cura la gestione (con la bella stagione è facile trovarla aperta nei fine settimana) e ne custodisce le chiavi.

Accesso: a) Dalla località Cornelle, m 711b) Dal bar La Pineta, m 655, sulla strada del Passo del Ballino

località di partenza: a) Dalla località Cornelle, m 711b) Dal bar La Pineta, m 655, sulla strada del Passo del Ballino - quota di partenza a) 711 m
b) 655 m - dislivellos: a) 960 m
b) 1016 m
tempo di percorrenza: a) 2.00 h
b) 1.45 h - difficoltà: Escursionisti [E]


a) Dalla località Cornelle, m 711: da questo minuscolo borgo del Bleggio Superiore si prende la strada forestale che inizia tra le ultime case e il capitello dedicato a S. Antonio (segnavia 461) e si prosegue attraversando un bosco di faggi frammisto a qualche conifera. Terminata la strada il sentiero continua e sorpassa il greto del torrente Duinella portandosi sulla sinistra orografica. Un tratto molto ripido, infine, permette di superare la scarpata sopra la quale si stendono i prati dei pascoli dell'ex malga. Ore 2.00
b) Dal bar La Pineta, sulla strada del Passo del Ballino, m 655: cinquecento metri a SO del bar parte il sentiero in salita (Ponteròla, segnavia 462) che supera il primo incrocio con la stradina che porta a Cornelle e raggiunge la località Pombus. Proseguendo nel bosco ceduo l'itinerario arriva nel canalone ghiaioso delle Salère, che attraversa in destra orografica. Giunti alla base delle pareti strapiombanti del Cogòrna, prosegue sulla ripida scarpata e supera alcuni tratti rocciosi che immettono sulle Pale. In breve conquista la dorsale e di lì la Casina Cogòrna. Ore 1.45


 Traversate

Al Rifugio Rifugio Pernici Nino, m 1600: si continua inizialmente l'itinerario 461, che porta alla Sella del Nardis e quindi al bivacco d'emergenza Malga Nardis, attraversando un bosco rado e scendendo dalla Sella al bivacco, nei pressi del Dos d'Enziana; a questo punto si imbocca il sentiero 420 che porta nella conca a settentrione del Dosso della Torta passando per la Bocca Corni del Lévro. Si prosegue quindi sulla cresta erbosa in direzione S e, superata la cima del Monte Tofino (m 2151), si raggiunge dapprima il roccioso Corno di Pichea e quindi si aggira la Mazza di Pichea per scendere alla Bocca di Trat, dove sorge il rifugio. Ore 5.15


 Ascensioni

Monte Cogòrna, m 1866: salita elementare che parte dal sentiero 462 per Le Salère. Ore 0.45


 Bibliografia

A. Gadler, Guida alpinistica escursionistica del Trentino Occidentale
A. Valcanover, T. Deflorian, Guida dei sentieri e rifugi - Trentino Occidentale, Trento, Ed. Panorama 1993


 Cartografia

Kompass 1:50.000 n. 071


 Scrivi un commento o condividi con la community di rifugi-bivacchi la tua esperienza!

Casina Cogorna

  • Wc
 Posti letto
18
Altre dotazioni

acqua corrente, cucina con fornello, coperte, cuscini. Locale invernale sempre aperto con 8 posti letto, materassi, coperte e stufa a legna.