Rifugio Coaz Chamanna J. [2610 m]


Proprietà: CAS Sektion Rätia Chur - Custode: Alois Kunfermann, Tel: 081 - 828 87 77 - Telefono: ODcyLzYyLzQ4LTE4ICkwKCAxNCs= - Email: aGMvemFvYy8vb2ZuaQ== - Link: http://www.coaz.chPeriodo di apertura: Da metà Marzo a metà Maggio e da fine Giugno a inizio Ottobre -

loading map..
Nazione : Svizzera - Regione : Canton Grigioni (Graubünden) -
Area montuosa : Bernina - Disgrazia - Valle : Val Roseg - Latitudine: 46.38382, Logitudine: 9.83541

È situata a 2610 m su una bastionata rocciosa di Plattas al limite NW del Vadret da Roseg, in bella vista sulla sua grande seraccata.

Accesso: Stazione Ferrovia Retica di Pontresina oppure Hotel Roseg 1999 m

località di partenza: Stazione Ferrovia Retica di Pontresina oppure Hotel Roseg 1999 m - quota di partenza 1774 m Pontersina;
1999 m Hotel Roseg - dislivellos: 836 m da Pontersina;
610 m dall'Hotel Roseg
tempo di percorrenza: 4 ore da Pontersina;
2 ore dall'Hotel Roseg - difficoltà: Escursionisti [E]


Dalla stazione di Pontresina 1774 m si imbocca la strada sterrata della Val Roseg. Il tracciato è interdetto al traffico ma è possibile avvalersi del servizio di trasporto tramite carrozza a cavalli. Dall'Hotel Roseg per sentiero segnalato si segue il fondovalle fino all'Alp Ota Suot da dove inizia la salita verso destra che porta al Margun da l'Alp Ota 2257 m. Si sale con qualche tornante per poi riprendere il lento diagonale verso S passando per il ripiano del Plaun dals Suts 2679. In leggerissima discesa si raggiungono i pendii morenici sottostanti il settore occidentale del Vadret da Roseg e con un ultimo arco di cerchio verso SE si raggiunge il rifugio.
b) Dalla stazione intermedia della Funivia del Corvatsch 2699 m si segue la stradetta che, a mezza costa, percorre a semicerchio, verso E, la testata del vallone morenico del Murtel (indicazioni) portandosi sul versante opposto sotto la Fuorcla Surlej 2755 m, che si raggiunge con breve salita. Poco sotto il valico, sul suo versante opposto si prende il sentiero che si stacca verso destra, portando decisamente verso S prima in leggera discesa poi pianeggiando sotto il Piz Corvatsch fino ad incontrare l'it. prec. a 2569 m. (2 ore. Sentiero segnalato. E).

Accesso invernale

Dall'Hotel Roseg si tiene il fondovalle raggiungendo il Vadret da Roseg che si percorre per breve tratto fino a q. 2400. Ci si porta sulla morena laterale sinistra che si segue puntando alla base delle rocce di Plattas, risalendole poi fino al rifugio. È anche possibile aggirare sulla destra la bastionata ricongiungendosi al sentiero estivo negli ultimi metri.


 Traversate

Alla da Rifugio Tschierva Chamanna da 2583 m. Itinerario su detriti e morene non facile e spesso impossibile causa l'attraversamento obbligatorio dei grossi torrenti che nascono dai ghiacciai del Vadret da Roseg e dal Vadret da la Sella (E; 2 ore).
Al Rifugio Marinelli-Bombardieri 2813 m. Itinerario lungo ma grandioso, principalmente su ghiacciaio (F; 5 ore).


 Ascensioni

Al Pizzo Roseg 3937 m per la via normale. Dislivello: 1300 m. Tempo di salita: 5-6 ore. Difficoltà: PD+. Prima ascensione: A. W. Moore, Horace Walther con Jacob Anderegg il 28 luglio 1865.
Percorso: Dalla Chamanna Coaz 2610 m salire sul Vadret da Roseg dapprima verso S e poi compiendo un arco di cerchio verso SE ed E scavalcando l'affioramento 3057 m che si trova sulla dorsale che divide questo ghiacciaio dal Vadret da la Sella. Sul Vadret da la Sella si punta verso E fin quasi alle pendici del Piz Roseg, a quota 3200 m c., ove sbocca il più meridionale dei canali di sfogo del piccolo ghiacciaio pensile sottostante la Spalla 3598 m (F; 2 ore). Qui si giunge anche dal Bivacco Parravicini Agostino, salendo al vicino Passo Sella e scendendo sul Vadret da la Sella (F; 1 ora). Si risale detto canale fino al ghiacciaietto e proseguendo con inclinazione sempre maggiore si entra infine in un ripido canalino che porta alla Spalla (1,30 ore; 4-4,30 ore).
Percorrendo ora la nevosa e ampia cresta NW, si tocca l'Anticima NW; ci si abbassa sempre alla sottostante insellatura dalla quale si riprende a salire afferrando da ultimo le facili ma instabili roccette che adducono alla sommità.


 Cartografia

CNS 1:50.000 «Julierpass e 1:25.000 «Bernina»; Carta Multigraphic «Pizzo Bernina-Monte Disgrazia» 1:50.000; Kompass 1:50.000 «Bernina-Sondrio»


 Scrivi un commento o condividi con la community di rifugi-bivacchi la tua esperienza!

Coaz Chamanna J.

  • Riscaldamento
  • Wc
  • Acqua fredda
  • Acqua calda
  • Presenza di docce
  • Presenza luce elettrica
  • Ristorante
  • Sconti associati CAI
 Posti letto
80
 Posti letto rifugio invernale
20