Rifugio Melezè [1812 m]


Proprietà: Comune di Bellino - Custode: Grognardi Jonathan - Telefono: MzQ1MTExNiA5MjMgOTMrIC9sbGVDIGVydXBwbyAwMTQ2NTkgNTcxMCA5Mys= - Email: dGkvZXplbGVtLy9lemVsZW0= - Link:  Sito web Periodo di apertura: Tutto l'anno. -

loading map..
Nazione : Italia - Regione : Piemonte -
Area montuosa : Alpi Cozie S. (I) - Valle : Valle Varaita - Latitudine: 44.57454, Logitudine: 6.98148

Situato al termine della Valle di Bellino (laterale sinistra orografica della Val Varaita) nella vasta area dei Pion dei melze (melze in occitano = larice e melezé luogo dove crescono i larici), a 100 metri dal lato destro della strada provinciale.

Accesso: Si arriva in auto o in bus.

località di partenza: Si arriva in auto o in bus. - quota di partenza 1812 m - dislivellos: 0 metri
tempo di percorrenza: 0 ore - difficoltà: Accesso meccanizzato [AMM]


Da Casteldelfino nella Valle di Bellino fino a poco prima di S. Anna di Bellino e della fine della strada asfaltata.

Accesso invernale

Come d'estate, ma con la suggestiva possibilità di arrivare con una slitta a cavalli.

Trasporti pubblici

BELLINO - CASTELDELFINO Autobus COMUNITA MONTANA VALLE VARAITA - BRA - PONTECHIANALE - estiva Autobus AUTOLINEE GUNETTO DI GUNETTO EMILIO & C S-ALUZZO - VENASCA - PONTECHIANALE Autobus ATI Trasporti Interurbani


 Traversate

Pian Traversagn;
Grange Autaret;
Colle di Bellino;
Vallone di Rui


 Ascensioni

Pelvo d'Elva;
Bric Camosciera;
Rocca la Marchisa;
Pelvo Ciabriera
Ferrata di Rocca Senghi Percorso: dalla cappella di Sant’Anna di Bellino si segue il sentiero fino alle Grange Cruset (cartello ferrata). Abbandonato a sin. il sentiero principale continuare sulla diramazione che si inerpica verso N sulla china erbosa fino ad un avvallamento di grossi massi alla base della giallastra paretona della Rocca Senghi. Svoltando a ds. il sentiero sale il ripido canalone erboso che fiancheggia la parete orientale della Rocca. Lasciata a a sin. la diramazione per la "via direttissima", (solo per esperti) si prosegue fino ad una seconda diramazione, sempre a sin., che conduce a un’altra via ferrata che va ad innestarsi nella parte superiore della precedente. Attrezzata con funi metalliche e gradini, è meno impegnativa, (ma non per principianti , come recita il cartello in fondo valle). Discesa: dalla cima scendere per sentiero sino ai resti del ricovero ex militare già visto durante la salita e ripercorrere in senso inverso l’itinerario di salita, oppure scendere dalla cima e raggiungere l’imbocco della galleria che partendo nei pressi del citato ricovero(cartello) mette in comunicazione i due versanti della rocca. L’inizio della galleria è attrezzato con gradini metallici e funi di sicurezza (facile e divertente). Tutto il percorso è al buio, munirsi perciò di frontalino. N.B.: chi non vuole salire tramite le ferrate, può raggiungere comodamente la cima per sentiero e/o galleria (diff.: E).


 Bibliografia

Berutto, Giulio, "Monviso e le sue valli, escursioni, ascensioni e traversate", vol. II, Valli Po e Pellice, Torino 1991.
"Monviso e le sue valli, escursioni, ascensioni e traversate", vol. I, Valli Varaita, Bellino e Pontechianale, Valle del Guil, Torino 1997.
Bruno, Michelangelo, Monte Viso Alpi Cozie Meridionali, CAI-TCI, Milano 1987;
In Cima, 90 normali nelle Cozie Meridionali, Peveragno 2002;


 Cartografia

IGM f 79, tav Casteldelfino e colle di Cervetto, IGM 1:50.000 Monviso;
IGC 1:25.000 n.106, MONVISO - SAMPEYRE - BOBBIO PELLICE - VALLE VARAITA - VALLE PO - VALLE PELLICE;
I.G.C. 1:50.000 Monviso;


 Scrivi un commento o condividi con la community di rifugi-bivacchi la tua esperienza!

Melezè

  • Riscaldamento
  • Wc
  • Acqua fredda
  • Acqua calda
  • Presenza di docce
  • Presenza luce elettrica
  • Ristorante
  • Carte di credito
 Posti letto
56