Rifugio non custodito di Jorio [1835 m]


Proprietà: 

Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise

- Custode: Privata - Email: LS0= - Link: --Periodo di apertura: Sempre aperto previo ritiro delle chiavi - Prenotazioni: -- -


loading map..
Nazione : Italia - Regione : Abruzzo -
Area montuosa : Monti Marsicani-Monti della Meta-Mainarde (Ab) - Valle : Val di Sangro - Latitudine: 41.79595, Logitudine: 13.73031

Panoramicamente situato a sud del Balzo dei Tre Confini, tra Lazio e Abruzzo

Accesso: Pescasseroli, collegata alla A25 uscita Pescina lungo la S.S. 83 per Gioia dei Marsi; a Isernia per la Val di Sangro e il Colle della Croce (S.S. 83)

località di partenza: Pescasseroli, collegata alla A25 uscita Pescina lungo la S.S. 83 per Gioia dei Marsi; a Isernia per la Val di Sangro e il Colle della Croce (S.S. 83) - quota di partenza 1193 metri - dislivellos: 640 metri
tempo di percorrenza: 2 ore e 30 minuti - difficoltà: Escursionisti [E]


Dal centro di Pescasseroli ci si deve portare all'ingresso "B" del parco 1193 m percorrendo via Colli dell'Oro (1,5 km). A piedi si segue la sterrata del Vallone Peschio di Iorio (segnavia B1), lasciando a destra la deviazione per il Valico dell'Aceretta. Al termine della strada, con strette svolte nel bosco si tocca il Valico Valcallano 1697 m. Verso S, costeggiando alcuni affioramenti rocciosi, si raggiunge il crinale dove sorge il rifugio.

Trasporti pubblici

Autobus a Pescasseroli - autolinee ARPA


 Traversate

Al Rifugio non custodito dell'Aceretta 1233 metri (E; 2 ore).
Ridiscesi al Valico Valcallano 1697 m si segue il sentiero a mezzacosta che sfiora la sommità del Monte Ceraso 1820 m per abbassarsi al Valico dell'Aceretta 1686 m. Volgendo a N, in Vallelonga, si scende nella faggeta oltrepassando la Fonte superiore dell'Aceretta 1415m fino al rifugio, posto presso la Fonte inferiore dell'Aceretta 1233 m.


 Ascensioni

Monte la Rocca 1924 m (E; 1.15 ore). Dal rifugio, un poco verso W, si guadagna lo spartiacque e lo si segue verso S con modesti saliscendi (segnavia C5). Passati brevemente sul versante di Val di Sangro si torna in cresta calcando la sommità del Picco la Rocca 1869 m. L'ultima depressione della cresta e la successiva risalita portano al Monte la Rocca.
NOTA 1:Con pari difficoltà è pure possibile proseguire in cresta fino al Valico di Monte Tranquillo 1673 m e al Rifugio non custodito di Valle Lattara 1560 m (1.15 ore).
NOTA 2:Da agosto a ottobre questa escursione deve essere efefttuata in gruppo e accompagnati da una guida per non recare disturbo all'orso!


 Bibliografia

S. Ardito, I rifugi dell'Appennino centrale, Guide Iter, Subiaco 2010


 Cartografia

Parco Nazionale d'Abruzzo 1:50.000 Carta turistica
CAI 1:25.000 Coppo dell'Orso


 Scrivi un commento o condividi con la community di rifugi-bivacchi la tua esperienza!

di Jorio

  • Riscaldamento
  • Presenza luce elettrica
  • Possibilità di cucinare
 Posti letto
12
Altre dotazioni

Necessari sacco a pelo e materassino
Cisterna con acqua piovana all'esterno