Gruppo Bancario Credito ValtellineseGruppo Bancario Credito ValtellineseGruppo Bancario Credito ValtellineseGruppo Bancario Credito Valtellinese
mountainsmountainsmountainsmountains



« »



Rifugio non custodito - Carrel Jean Antoine [3835 m]

Carrel Jean Antoine
Dotazioni
     
    Particolare struttura in legno posta sulla cresta del Leone, più in alto del colle omonimo.
    Data inserimento
    26/07/2007
    Data aggiornamento
    27/03/2015
    Nazione
    Italia
    Regione
    Val d'Aosta
    Area montuosa
    Alpi Pennine (Gran Combin - Cervino)
    Valle
    Valtournenche
    Periodo di apertura
    sempre
    Custode
    n(KIdXlF)n(KIdXlF)
    Proprietà
    Soc. Guide del Cervino
    Posti letto
    50
    Località di partenza
    Rifugio Duca degli Abruzzi
    Quota di partenza
    2802 metri
    Dislivello
    1033 metri
    Tempo di percorrenza
    4 ore
    Difficoltà
    AD - (Alpinistico abbastanza difficile) scalata su roccia e/o ghiaccio con difficoltà continue attorno al III grado (con passaggi più difficili) e pendii glaciali o di tereno misto di particolare impegno.
    Accesso
    Dal Rifugio Duca degli Abruzzi seguire il sentiero che sale in direzione N per pendio detritico. Salire per delle rocce tramite delle cenge trasversali fino alla Croce Carrel 2920m. Salire ad un nevaio e seguirlo fino ad un canale. Salire per esso e raggiungere la cresta della Testa del Leone. Proseguire lungo la cresta sommitale fin quasi alla cima della Testa. Seguire un sistema di cenge che portano al Colle del Leone 3581m. Proseguire ora lungo la cresta SW della montagna passando per risalti, placchette e diedro finale (tratti con corde fisse) fino a raggiungere il rifugio.
    CNS 1:50000, Valpelline, foglio 293.
    Alpi Pennine Vol. II, di G.Buscaini, Guida dei Monti d’Italia CAI TCI, 1970.
    Rifugi e Bivacchi delle Alpi Occidentali di Cesare Re, 2005 Ed. guide Macchione.
    Monte Cervino 4474 m, per la via Normale dal versante italiano (PD+; 3 ore). Dal rifugio salire verso NW per gradoni spioventi, passando nei pressi della vecchia struttura della Capanna Luigi Amedeo, che portano al valloncello des Glacons. Salire poi per un diedro e per le placchette seguenti fin sotto la Gran Tour. Salire per un canalino che porta alla Crete du Coq. Salire la cresta incontrando le Placche Cretier, la cengia Mauvais Pas e i Roscher des Ecritures. Salire per il pendio ghiacciato del Linceul e proseguire lungo la cresta fino alla sommità del Pic Tyndall 4241m. Seguire tutta la Cresta Tyndall e salire lungo la testa del Cervino, passando per gradini rocciosi, placchette e risalti sempre con corde fisse in posto. Dopo aver raggiunto la vetta Italiana si prosegue per una cresta che porta alla vetta.